Twitter

Tag: sappiamo chi è stato

Una settimana libertaria in Bovisa

Come sempre settimana ricchissima di idee, note, suggestioni e libertà al circolo Arci Scighera!

Si parte con l’appuntamento fisso del martedì: difatti tutti i martedì che Bakunin mette in terra ci si ritrova nell’osteria del circolo (al termine del Corso di canto popolare 2018-2019, primo modulo): un tavolo sarà riservato al cantare e suonare liberamente in compagnia e con un buon bicchiere di vino! Pronti? Voce davanti, via! Altro appuntamento fisso del circolo? Ogni giovedì, alle 16,30 la Scigherina apre il suo Giardino d’Inverno, accogliente, spazioso e con la qualità di relazioni che piace al circolo! Tutti i giovedì dalle 16,30 la Scighera accoglie i più piccini e i grandi che li accompagnano, lo spazio e il tempo li si gestiranno insieme, per gioco libero e attività auto organizzate. E se poi viene fame, tutti i ghiottoni insieme in osteria. Andate a condividere lo spazio… stare insieme fa bene a tutte le età!

Venerdì 16 via alla musica improvvisata! Brevi composizioni, allusioni, schizzi, partenze. Il resto è improvvisazione: viaggio. Un trio che, nel secondo set, sarà integrato dai musicisti del Milano Music collective. Per i golosi la cucina apre alle 19.00. Il giorno dopo ancora musica: serata milonga (del pueblo!)…ll nome scelto per queste serate vuole sottolineare la natura del tango dove musica, poesia e ballo sono sintetizzati in una cultura che ha orgogliosamente conservato la sua nobile origine popolare, raggiungendo esiti estetici raffinatissimi e forse imprevisti anche dai suoi stessi protagonisti. Pasadiscos sarà il maestro Franco Finocchiaro.

Domenica, alle ore 16.30 teatro “scigherina”. In scena “VOLO”, spettacolo di teatro danza e oggetti volanti. Una storia raccontata nel disegno teatrale di forme volatili e nella danza dei due performer. Questo etereo spettacolo di teatro danza ci porterà lontano dai problemi della materia, in un viaggio per immagini attraverso i nostri sogni, primo fra tutti quello archetipico del volo! Uno spettacolo che lascia a bocca aperta grandi e piccini e invita tutti a godere della gioia della vita. In scena e nella regia Valentina Fariello e Massimo Politi. Lo spettacolo è adatto a sognatori di ogni età.
Lo spazio sarà aperto dalle ore 16.00, durante il pomeriggio e fino a sera il bar osteria sarà aperto per merende e aperitivi.

Infine alle ore 21.00 al circolo si parlerà di violenza di Stato. Per la rassegna “La pianta Anarchica: sotto le nuove fronde” si dibatterà di come lo Stato illegittimamente eserciti violenza: L’uccisione di Stefano Cucchi, raccontata nel film che ripercorre i suoi ultimi giorni di vita, è solo uno dei casi di abusi e brutalità commesse da appartenenti alle forze di polizia emersi pubblicamente, soprattutto per il loro esito tragico. Aldrovandi, Cucchi, Uva, Bianzino, Ferrulli, Mastrogiovanni, le donne e gli uomini massacrati dalla Diaz e a Bolzaneto… è lungo l’elenco delle persone uccise o malmenate durante l’arresto, nel corso dell’esecuzione di un TSO o mentre erano trattenute nelle stanze delle questure o delle caserme dei carabinieri. Poi ci sono i proiettili sparati da agenti delle forze dell’ordine, come quelli che, ad esempio, hanno ucciso Carlo Giuliani e Gabriele Sandri.

Dietro questi casi, divenuti pubblici, si intravvede un uso diffuso e sistematico della violenza da parte delle cosiddette “forze dell’ordine”. Non è una novità: la brutalità della polizia è talmente usuale e nota da essere citata in romanzi, film, canzoni. I casi di abuso, tortura e assassinio commessi da ufficiali e agenti di polizia non sono peraltro storia recente, ma sono connaturati all’esistenza stessa degli apparati repressivi dello stato. La memoria del movimento anarchico, in questo senso, non può che continuare a richiamare l’uccisione del compagno Giuseppe Pinelli, coi depistaggi e la rimozione pubblica che ne sono seguite.

Mentre Salvini e Meloni continuano a invocare la libertà di azione della polizia, e i vertici delle forze di polizia e dello stato ricorrono, quando non possono più depistare le indagini o giustificare gli assassini, all’espediente retorico delle “mele marce”, la lotta di pochi familiari e avvocati, sostenuti solo da alcune associazioni, ha aperto uno squarcio nel muro di omertà che difende gli apparati statali anche quando commettono i peggiori abusi.

Stasera per la PIANTA ANARCHICA ne parliamo con Rossana Noris (Associazione Stefano Cucchi), Eugenio Losco e Claudia Pinelli. IPer la Scighera Andrea Molteni.

 

#nonèpassato

Il 2 agosto 1980 alle 10.25 veniva compiuto, alla stazione ferroviaria di Bologna, il più grave atto terroristico realizzato in Italia nel secondo dopoguerra. Persero la vita 85 persone, 200 rimasero ferite.

Furono riconosciuti colpevoli i terroristi Valerio Fioravanti e Francesca Mambro, neofascisti del Nucleo Armato Rivoluzionario, insieme a Luigi Ciavardini, all’epoca minorenne. Ma ad oggi restano ancora sconosciuti i nomi dei mandanti e i moventi dell’attentato.

Da allora l’orologio della facciata ovest della stazione segna le 10.25: un orario,fissato come un terrificante ferita, un simbolo che invita a non dimenticare quello che accadde il 2 agosto di 37 anni fa. Noi non dimentichiamo! In segno di solidarietà alle famiglie delle vittime e per rinnovare ancora una volta la volontà di fare chiarezza, la domanda di verità e di giustizia, il nostro impegno alla memoria
#nonèpassato

Ciao Carlo…

Gli anni passano, inesorabili. Sconfitte, delusioni, sorrisi, obiettivi raggiunti.

Arci Milano era presente a Genova nel 2001. Si era partiti come un'”allegra brigata”, pronti a salutare e manifestare aasieme a tutti i compagni che accorrevano dai vari comitati d’Italia. Sorrisi, forte convinzione di essere dalla parte giusta del mondo. Pronti a socializzare con i colorati manifestanti dagli idiomi sconosciuti ai più.

Tutte le energie, tutte le volontà, una babele di lingue, progetti, sogni racchiusi nella città di Genova. Accarezzando ideali che sempre ci hanno fatto da faro: giustizia, pace, un mondo più giusto, più equilibrato, più libero. Ma il mondo non sempre gira assecondando i nostri desiderata.

E noi, nei terribili anni susseguitesi dopo Genova, abbiamo sempre cercato di stare dalla “parte giusta del mondo”.

A Carlo Giuliani questa ricerca è stata negata.

Ciao ragazzo, ciao Carlo, sei e sarai sempre con noi.