Twitter

Tag: milonga milano

Metti una settimana in Bovisa…

Settimana a 360° in Bovisa: bambini, temporali, milonghe popolari e buona musica. Il tutto annaffiato dagli ottimi vini e dalle golosità sfornate dalla cucina del circolo Arci Scighera! Prendete nota in agenda:

giovedì 24, a partire dalle 17.00, “Storie nel Bosco”, laboratorio per bambine e bambini. Terzo ed ultimo appuntamento per scoprire da vicino il mondo del bosco, penetrandolo con gli occhi, il corpo e le orecchie. Preparandoci alla parata festosa di quartiere del 17 giugno. In questo appuntamento i bambini scopriranno gli oggetti del bosco – Legni, sassi, noccioli per costruire oggetti sonanti (quindi un laboratorio di costruzione rivolto ai bambin* dai 5 ai 9 anni della durata di 90 minuti. Costo a partecipante: 6 euro). Come al solito caldamente consigliata la prenotazione scrivendo a scigherina@schighera.org) . Organizzato in collaborazione con Minima Theatralia e il sotegno di Fondazione Cariplo

Nello stesso giorno, ma alle 20.00, al Scighera si svolgerà l’evento “Temporale”. Ritorna il Gruppo Temporale, per la prima volta alla Scighera, con una performance artistica unica e irripetibile. Sempre dediti all’analisi e alla realizzazione di opere incentrate sul tema del tempo, il Gruppo Temporale abbraccerà in questa occasione il Tempo Presente, spogliandosi del precedente Tempo Passato cui siamo profondamente legati. Nel corso della serata il Gruppo si aprirà al contatto con il pubblico, anche attraverso esperienze interattive di disegno e pittura.

Il Gruppo Temporale è formato da Daniela Reina Cervera, Irene Raschellà, Veronica Galofaro, Davide Ausenda, Massimiliano Antonini, Laura Salomoni e Massimiliano Russo

Ed ora la musica:

Venerdì 25 – dalle 22.00 – si esibiranno i “Canto Antico” con il loro spettacolo “A metà strada c’è la nebbia”: Filippo Gambetta e Sergio Caputo incontrano Canto Antico: una serata di balfolk e musica del sud, per ritrovarci ballatori “A Metà Strada” – Info 3492192192 – Come sempre dalle 19.00 cucina aperta con piatto del giorno, panini, bruschette e taglieri.

Sabato 26 il maestro Franco Finocchiaro, riconosciuto musicista di tango, storico di questa cultura e da qualche tempo “pasadiscos” che si ispira all’arte del celebre e compianto Felix Picherna su cui ha scritto un importante libro,  sarà il conduttore che con le sue eleganti selezioni musicali animerà l’energia della Milonga del Pueblo. ll nome scelto per queste serate vuole sottolineare la natura del tango dove musica, poesia e ballo sono sintetizzati in una cultura che ha orgogliosamente conservato la sua  nobile origine popolare, raggiungendo esiti estetici raffinatissimi e forse imprevisti anche dai suoi stessi protagonisti. La linea di questa iniziativa è perciò impostata nel quadro della milonga tradizionale, con le classiche alternanze di tandas e cortine, mentre, dal punto di vista musicale, la guida di Finocchiaro sceglie con la sua approfondita conoscenza del genere di privilegiare quella linea evoluzionista del tango che, attraverso  il trattamento sofisticato degli arrangiamenti, sa suscitare inesauribili emozioni ai  ballerini. E si sa…l’appetito vien danzando e la Scighera, con la sua cucina del pueblo, saprà come rifocillarvi.

Le settimana del circolo della Bovisa si chiuderà domenica 27 maggio  – a partire dalle 21.30 – con un doppio concenrto danzereccio. Sul palco i Canabal e Andrea Capezzuoli. I primi fanno sposare il canto popolare, sociale e d’autore con il ball folk: un percorso musicale tutto da ascoltare e da ballare. I Canabal sono: Davide kortatub Bergna (Voce e chitarra), Silvia Baldini (voce), Jacopo Soler (Flauto traverso), Andrea Stanzione (Contrabbasso), Laura Tebaldi (Voce), Juliane Reiss (Violino).

A seguire Andrea Capezzuoli presenterà un ballo in versione “solo” di danze folk provenienti dal nord Italia, da svariate regioni della Francia, dalle isole britanniche e dal Québec, il Canada francofono. Il repertorio, comunemente chiamato “balfolk” è composto da danze di coppia (valzer, valzer impari, scottish, mazurke, polche) e danze di gruppo (circolo circassiano, chapelloise,bourrées, rondeaux, endro, hanterdro, gavottes, kostarkoaht, bal limousine, ecc).

Biko e la Barona black!

Il circolo Arci Biko è una garanzia. Buona musica sempre, sorrisi a cascate e colori lisergici…

Ecco a voi il programma del circolo milanese di via Ettore Ponti 40: giovedì 3, alle 21.30, saliranno sul palco i “Sonata Islands Kommandoh” per un concerto di presentazione del disco “Zeuhl Jazz”, disco pubblicato in vinile dall’etichetta italiana ADN e disponibile in formato digitale sulla piattaforma della newyorkese Chant Records. Dedicato allo spirito della musica dei Magma, direttamente dal pianeta di Kobaïa. Sotto la direzione del loro fondatore Christian Vander, questa mitica band francese, a partire dal 1970 ha offerto all’ascoltatore una musica “celestiale” (“zeuhl” in linguaggio kobaïano), dove il cosmo evocato poteva anche essere un cielo terso, però sempre e costantemente sotto minaccia di tempesta. Tutti i brani ripropongono quell’approccio, sia dal punto di vista compositivo che interpretativo, con evidenti richiami al cosiddetto avant-progressive, al jazz modale, al rhythm’n’blues e alla musica folk dell’Europa orientale.
Venerdì 4, dalle 22.00, live dei DEAF KAKI CHUMPY. Prosegue il felice sodalizio tra Jazz:Re:Found  e BIKO Milano. La ricerca e l’attenzione ai nuovi fenomeni che rappresentano al meglio l’immaginario della black music, ha prodotto sorprendenti risultati con una grande sorpresa proprio a due passi da casa! A Milano, in Italia, una band davvero giovane ma già da “colossal”, costituita da ben 18 elementi, sta tracciando un nuovo ed ambizioso percorso abbattendo i confini tra jazz e club culture.  Alla stregua di gruppi come Snarky Puppy, Vulfpeck, Cory Henry, il collettivo Deaf Kaki Chumpy si racconta in un’identità sonora attraversata da jazz, funk, r’n’b, latin, sino ad arrivare ad elettronica e progressive. Puro caleidoscopio di pelli, ottoni, legni, voci, corde, organi, synth per il gruppo più grande e variegato che abbiate mai visto e un’esperienza live assolutamente unica.
Prima e dopo il concerto il dj set black a cura di ANDREA PASSENGER ambasciatore di JZ:RF, Dj e selector illuminato capace di raccontare storie intense mixando dischi..

Sabato 5 maggio, dalle 22.00, infine SPACE JAM ft Steve Dub & Mokambo Brothers. Il Party hip hop & funk più infuocato di Milano, con i dj set di Steve Dub (Akasoulsistaradio), Mokambo Brothers. Pronti per ballare? Steve Dub è il dj che prima ha portato l’hip hop a Milano negli anni ’80 al Plastic, poi lo ha fatto crescere negli anni ’90 al Soul To Soul e in questi anni ha sempre continuato a esibirsi in tanti altri locali che propongono musica black di qualità; attualmente è anche autore del programma AkaSoulsistaradio insieme a Irene Lamedica. Le sue selezioni sono frutto di una continua ricerca svolta più che altro nel panorama black statunitense. I Mokambo Brothers, milanesi, dopo essersi fatti le ossa nei club londinesi, sono tornati qui nella loro città di origine facendosi un nome per la loro capacità di riportare indietro fino alle atmosfere festose dei block party che hanno generato la cultura hip hop. Collezionisti di vinili, il loro viaggio sonoro parte dal funk per arrivare a suoni e ritmi urbani contemporanee.

Infine il lunedì di Ettore Ponti: irriverente, libertario, immaginifico e tanghista: sulle rive del tango è un progetto di ricerca e sperimentazione musicale che viaggia attraverso le più disparate scene musicali internazionali, contemporanee e non, selezionando brani che hanno in comune il respiro segreto del tango e la capacità di evocarne l’abbraccio. Tale ricerca si concretizza nell’omonimo progetto discografico, che in diverse compilation ne racconta i percorsi e le scoperte.

Alla sperimentazione musicale si affianca la ricerca sul corpo e sul movimento, che a partire dall’esperienza del tango argentino tradizionale, approfondisce l’aspetto dell’improvvisazione e il possibile incontro fra tango ed altre discipline corporee. Con queste idee nasce sulle rive del tango uno spazio espressivo aperto e creativo, uno spazio in divenire fatto di ricerca, libertà e immaginazione. Dalle 22.00 Biko e la sua milonga irriverente aspettano frotte di ballerini belli carichi pronti a ballare selezioni di tango argentino e non argentino a cura di dj Ausländer
www.sullerivedeltango.it/