Tag: Fabbrica del Vapore

(On the) EDGES of Experience – Young Artists Biennale dal 13 al 16 dicembre a Milano

mediterranea18Da Milano a Tirana, un anno di scambi e creatività: l’appuntamento alla Fabbrica del Vapore di Milano dal 13 al 16 dicembre sarà l’occasione per presentare al pubblico la diciottesima edizione della Biennale dei giovani artisti, Mediterranea 18 Young Artists Biennale, che si terrà in Albania, a Tirana e Durazzo, dal 4 al 9 maggio 2017.

Quattro giorni di seminari, dibattiti e lectures: alla presentazione di venerdì 16 dicembre alle ore 18, sarà presente Driant Zeneli, Direttore Artistico dell’edizione.

I curatori per area della Biennale animeranno una sessione di Portfolio Review dalle ore 15 per giovani artisti interessati.

Nella stessa giornata si terrà una presentazione del bando “We support BJCEM”, rivolto a imprese e fondazioni che vogliano sostenere la creatività giovanile nello spazio Euro-Mediterraneo.

Ma non solo: nel corso del 2016 BJCEM ha attivato numerose residenze, visite di studio, progetti di collaborazione e ricerca artistica, alcuni dei quali hanno preso avvio proprio a Milano nel corso di “Mediterranea 17 Young Artists Biennale”, che, nell’ottobre 2015 ha animato la Fabbrica del Vapore con la partecipazione di 300 artisti provenienti da tutta l’area del Mediterraneo, con mostre, performance, reading e workshop.

Per valorizzare il grande lavoro fatto, il Network BJCEM, con il contributo del Comune di Milano e il supporto di Creative Europe, programma dell’Unione Europea, organizza una quattro giorni di presentazione dei risultati dei percorsi realizzati. Un momento di scambio e confronto, che porterà a Milano oltre trenta artisti e curatori da oltre 15 paesi. L’occasione sarà utile per fare un bilancio di quanto avvenuto e per rilanciare possibili sviluppi per l’anno successivo.

Saranno gli stessi artisti a presentare con seminari, dibattiti e lectures i progetti che li hanno visti protagonisti nel corso di interventi che esploreranno esperienze in campo video (Come un mare fuor d’acqua #1 e #2 progetto realizzato fra Milano e Bruxelles), fotografico (Mediterranea Youth Photo un percorso di residenze per tre fotografi fra Portogallo, Francia e Italia), di ricerca e studio per giovani curatori fra San Marino, Montenegro, Kosovo e Malta (A Natural Oasis?). Saranno esplorati anche i risultati di La Ville Ouverte / Mediterranean Landscapes, un programma di residenze internazionali fra Italia e Slovenia per cinque artisti che hanno lavorato sul rapporto tra immaginario collettivo e sul vissuto dello spazio pubblico nell’area del Mediterraneo; Sulcis Hub, una residenza in Sardegna, nel borgo di Tratalias, in cui otto artisti provenienti da Portogallo, Spagna, USA, UK, Italia, Turchia e Marocco hanno potuto realizzare produzioni locali in collaborazione con artigiani locali; Motel Trogir “The East is West of the West”, una residenza per cinque artisti da Croazia, Ukraina, Serbia, Austria e Grecia che hanno lavorato sulla tutela e rivalutazione del patrimonio architettonico della Jugoslavia socialista.

Tutti gli appuntamenti saranno in lingua inglese e aperti non solo agli artisti coinvolti nei progetti BJCEM, ma anche al pubblico locale, ai giovani studenti e creativi milanesi, con il coinvolgimento tutte quelle realtà associative e culturali che lavorano e promuovono i giovani artisti sul territorio milanese.

Il programma completo dell’evento, in italiano e inglese, è disponibile qui.

Il Network internazionale BJCEM-Biennale des Jeunes Créateurs de l’Europe et de la Méditerranée, è impegnato da oltre vent’anni nella promozione e valorizzazione del dialogo interculturale e della ricerca artistica contemporanea nei diversi linguaggi espressivi. Il network offre sostegno alla creatività giovanile, alla mobilità e all’incontro tra i giovani artisti delle diverse sponde del Mediterraneo.

Spazi al Talento: il bando per l’assegnazione in concessione d’uso di 15 spazi alla “Fabbrica del Vapore”

spazi_talento_fabbrica_vapore.jpgTermine di consegna domanda di partecipazione il 15/04/2016
– Convocazione seduta pubblica il 22/04/2016 11:00
– Luogo convocazione commissione: Sala Riunioni della Direzione Centrale Sport Benessere Qualità della Vita, via Marconi 2, 4° piano

 

 

 

 

 

 

Il Comune di Milano lancia il bando per l’assegnazione in concessione d’uso di 15 spazi (per un totale di 5538,5 MQ) alla Fabbrica del Vapore.
Gli spazi saranno destinati alle seguenti attività:

Lotti da 1 a 14 per la realizzazione di progetti innovativi nell’ambito delle seguenti aree disciplinari:

Area performativa: teatro (nuova drammaturgia, teatro di strada, teatro ragazzi, teatro danza, ecc.), arti circensi, danza, musica;

Area audiovisivo-multimediale: cinema, tv, documentario, videoreporter, radio, multimedia fonica;

Area Arti visive: pittura, scultura, fotografia, scenografia/scenotecnica, costumistica, illuminotecnica;

Area di Promozione e diffusione della cultura: editoria (cartacea, web, etc.), comunicazione (ufficio stampa, etc.);

Lotto 15 per la realizzazione di un archivio/biblioteca aperto al pubblico e a tutti i fruitori e concessionari degli spazi della Fabbrica del Vapore.

Tutte le concessioni, indipendentemente dalla data di avvio avranno scadenza 31 dicembre 2020
e potranno essere rinnovate, per ulteriori 2 anni, a fronte della presentazione di un nuovo programma di attività nell’ambito dello stesso progetto approvato dall’Amministrazione Comunale.

L’obiettivo è rilanciare culturalmente la Fabbrica come spazio pubblico, cerniera tra formazione e lavoro dei giovani artisti, catalizzatore sociale..

La Fabbrica del Vapore deve diventare ancora di più un polo di attrazione per nuovi talenti, in rete con i principali soggetti culturali, tradizionali e innovativi, provenienti sia dal territorio milanese che dall’area internazionale capaci di attivare collaborazioni e scambi multiculturali. L’apertura e la contaminazione interdisciplinare si realizzeranno in termini concettuali, ma anche fisici, valorizzando il cortile interno della Fabbrica del Vapore come luogo di incontro e di spettacolo, fulcro del progetto.

Per conoscere i requisiti richiesti, i termini di scadenza della domanda e i dettagli del bando:

Sito del comune di Milano

Bilancio Partecipativo: si vota!

votoIl Bilancio partecipativo è entrato nel vivo della seconda fase!

Fra il 12 e il 29 novembre tutti coloro che hanno più di 14 anni e abitano, studiano o lavorano a Milano potranno votare il progetto preferito. Vi invitiamo a conoscere i progetti in concorso e vi ricordiamo che sul sito www.bilanciopartecipativomilano.it sono disponibili nella sezione documenti (http://www.bilanciopartecipativomilano.it/documenti) i resoconti degli incontri di ascolto tenuti fra luglio e settembre così come il documento informativo.

Vota ora! http://bit.ly/BilancioPartecipativo
Nelle giornate di sabato 24 e domenica 25 ottobre scorsi si sono svolti i laboratori di co-progettazione, rivolti ai cittadini estratti a sorte sui 610 che si erano candidati nella fase di ascolto. Hanno partecipato attivamente 210 cittadini.
All’incontro hanno partecipato rappresentanti degli uffici tecnici comunali dei settori del Verde, Mobilità, Infrastrutture, Lavori Pubblici, Edilizia scolastica, oltre ai funzionari del settore Bilancio. I gruppi di lavoro hanno elaborato in totale 38 progetti, in media da 3 a 6 per ogni Zona, ciascuno contenente diversi interventi, compresi quelli proposti dalle scuole. In questi giorni i progetti sono al vaglio dei tecnici dell’Amministrazione per le verifiche preliminari sul costo di massima per la realizzazione e la fattibilità.
I progetti definitivi che andranno alla fase di voto sono stati presentati in un incontro pubblico

mercoledì 11 novembre dalle ore 17.30 alle 20.00 Spazio ex-cisterne, Fabbrica del Vapore via Procaccini, 4(fermata Monumentale Metro 5 Lilla)

Presenti il Vicesindaco Francesca Balzani e l’Assessore ai Lavori pubblici Carmela Rozza.

Per info sul Bilancio Partecipativo:

Biennale OFF: la Biennale dei Giovani Artisti Out of Fabbrica

biennalemediterranea17Dal 22 ottobre, con MEDITERRANEA 17 YOUNG ARTISTS BIENNALE, Milano sarà la capitale del Mediterraneo. L’evento metterà in mostra una variegata moltitudine di forme di espressione, come le arti visive e le arti applicate (Architettura, Industrial Design, Web Design, Moda, Creazione digitale), la narrazione, lo spettacolo (Teatro, Danza, Performance Metropolitane), la musica, il cinema e la gastronomia.

Mediterranea 17 si tiene alla Fabbrica del Vapore, ma non finisce all’interno delle sue mura.
Partendo dall’epicentro creativo della Fabbrica del Vapore, ci sarà una ricca offerta di eventi, workshop e residenze “OFF – Out Of Fabbrica“. Il programma di Out of Fabbrica (16/25 ottobre 2015) intende disseminare una serie di interazioni tra i giovani artisti provenienti dall’area euromediterranea e il tessuto socio-culturale milanese.
Out of Fabbrica, a cura di Marco Trulli,è un evento promosso da Arci con il sostegno del Comune di Milano e il patrocinio di Fondazione Cariplo.

 

IL PROGRAMMA

16 Ottobre
Ore 17.00
Residenze, Via Procaccini, 4
c/o Fabbrica del Vapore

La Ville Ouverte
Una geografia di definizioni dello spazio pubblico

17 Ottobre
Ore 19.00/20.30
Circolo Arci Ohibò, via Benaco, 1
No food’s Land. Mostra collettiva di grafica a cura di RUFA
Vernissage musicale in aperitivo
Ingresso gratuito con tessera Arci

18 Ottobre
ore 18.00
Circolo Arci Biko

Live painting “ACAB – All Comics at Biko” con Mattia Campo dall’Orto, Paolo Cammello, Neim e Jacopo Starace.
Sul palco Frank Sinutre e Dj Mile Soundbass.
A cura del Circolo Arci Malabrocca.

21 Ottobre
ore 18.00
Madama Hostel, Via Benaco 1

Aperitivo con presentazione degli esiti del workshop “La ricotta – disegnare un film”, a cura di Gianluca Costantini.

23 Ottobre
Ore 18.30
Via Termopili, 28

La Tunisia
Un progetto di Pelagica (Laura Lecce e Fabrizio Vatieri).
Artisti: Giuseppe de Mattia, Giuseppe Fanizza, Tothi Folisi, Rachele Maistrello, NASTYNASTY©, Anna Positano e Angela Zurlo.
Mostra a cura di Pelagica in collaborazione con Marco Trulli (La Ville Ouverte)

Ore 21.30
Circolo Métissage, Via Borsieri, 2

Gurdan Rayatt (UK) live
(Indian classical tabla)
Ingresso riservato ai soci Arci

24 ottobre
Ore 16:00
Ex Cisterne, Sala 2, Fabbrica del Vapore, Via Procaccini, 4

Presentazione di Here is elsewhere
Residenza a cura di Marco Trulli,
con Simona Di Meo, Marta Leite, Anna Raimondo e Fatima Bianchi, Anna White e con Mare Culturale Urbano

Ore 22.00
Circolo Arci L’impegno
Via Gian Battista Bodoni, 3

Live di “C is for noir”
(Electro-pop)
Ingresso riservato ai soci Arci

25 ottobre
Ore 10.00/16.30
Castello Sforzesco, Portico dell’Elefante
Piazza Castello 1, Milano

Parole dal Mediterraneo
Reading collettivo degli autori selezionati da Mediterranea 17 – Biennale dei giovani artisti d’Europa e del Mediterraneo.

Presentazione di
Io sto bene e così spero di te – per un possibile poema plurale, a cura di Luca Basso.
in collaborazione con Bookcity.
Ingresso libero fino esaurimento posti.

25 Ottobre
Ore 22.00
Spazio TU di Maschere Nere,
Via Procaccini 4
c/o Fabbrica del vapore

Party off!
DJ set Palm Wine
Post Global Sound

WORKSHOP, AZIONI E RESIDENZE

19/21 Ottobre
La ricotta – disegnare un film
Workshop diretto da Gianluca Costantini
Partecipano Mattia Campo Dall’Orto, Arianna Farricella e gli studenti di Rufa
Con la partecipazione di Enrico Parisio

16/24 Ottobre
Here is elsewhere
Residenza a cura di Marco Trulli,
partecipano Simona Di Meo, Marta Leite, Anna Raimondo, Anna White e con la partecipazione di Fatima Bianchi.
In collaborazione con Careof e Mare Culturale Urbano

22/25 ottobre
“Io sto bene e così spero di te” – per un possibile poema plurale
Workshop a cura di Luca Basso

22/25 Ottobre
BreRaum
Azioni per Mediterranea 17
Fabbrica del vapore
Via Procaccini, 4
A cura di Massimo Mazzone, Ufficio relazioni internazionali Accademia di Brera

In Vino Veritas
a cura di: Nicoletta Braga,
Con Rossana Bossini, Lenia Georgiou, Chrysoula Plakioti, Lilia Ruocco, Floida Skraqi.

Una serie finita di Ciao come Stai
di Giampaolo Algieri, Dario Bitto, Antonio Gramegna, Luca Petti
Con Benson Otasowie

Info su:
www.mediterraneabiennial.org
www.bjcem.org      https://www.facebook.com/events/1649229495325212/
communication@bjcem.org

22-25 ottobre: arriva Mediterranea 17 – Biennale Giovani Artisti

M17_logo_defL’attesa Mediterranea 17 – Biennale Giovani Artisti (www.mediterraneabiennial.org) sta per cominciare: l’inaugurazione avrà luogo tra il 22 e il 25 ottobre alla Fabbrica del Vapore, via Procaccini 4.
L’evento, promosso da Bjcem e dal Comune di Milano, coinvolge più di 300 artisti che arriveranno da più di 20 nazioni: artisti visuali, registi, scrittori, performer, musicisti, designer, stilisti e cuochi, selezionati tramite una Call Internazionale promossa da Bjcem in stretta collaborazione con tutti i soci partner in Europa, Medio Oriente e Nord Africa. Giurie locali e nazionali, composte da esperti in diversi settori hanno selezionato gli artisti partecipanti.
Le discipline coinvolte sono : Arti Visive, Arti Applicate (Architettura, Design Industriale, Web Design, Fashion, Digital Creation), Scrittura, Arti Performative (Teatro, Danza, Performance Urbane), Musica, Cinema/Video e Gastronomia.
Numerosi artisti hanno risposto alla call e molti milanesi si sono offerti di ospitarli.

La Biennale non si limita nelle mura della Fabbrica del Vapore: molteplici saranno le iniziative “Out of Fabbrica“. Di cosa si tratta? Leggi l’articolo:  http://www.arcimilano.it/arci-report/bacheca/biennale-off-la-biennale-dei-giovani-artisti-out-of-fabbrica/

Quella di quest’anno è la diciassettesima edizione di un progetto nato nel 1985 dal network internazionale Bjcem, composto da 58 membri provenienti da 17 nazioni, coinvolgendo istituzioni culturali e organizzazioni indipendenti. L’obiettivo è dare a giovani artisti l’opportunità di produrre e mostrare i loro lavori e supportare la loro mobilità e la loro formazione.

BJCEM (www.bjcem.org) è un network internazionale fondato a Sarajevo nel luglio 2001, durante la 10a edizione dell’evento omonimo.
Fino ad allora, l’evento veniva organizzato da un Comitato Internazionale composto da partner indipendenti ma a Sarajevo, per rafforzare i rapporti della rete, il Comitato ha deciso di dare vita ad un’Associazione Internazionale con sede legale a Bruxelles e sede operativa a Torino.

Oggi il network è composto da 58 membri che rappresentano 17 nazioni e coinvolge sia istituzioni culturali che organizzazioni indipendenti. Bjcem ha stabilito collaborazioni con partner in tutta Europa, Medio Oriente e Africa e, più in generale, con organizzazioni e progetti dedicati alla Diaspora Mediterranea.

Bjcem è un’organizzazione indipendente, aperta a chiunque condivida il suo scopo e i suoi interessi senza distinzioni culturali, religiosi, politiche, sociali o morali.

Conferenze sull’arte africana @ Contaminafro

conferenze contaminafro
Due serate nell’edizione 2015 del FESTIVAL CONTAMINAFRO che ragionano sulle esperienze della vivace e importante comunità milanese di artisti, operatori e cultori delle arti africane, che da molti anni danno vita ad una ricca sequenza di eventi, ricerche e manifestazioni.

Un luogo concreto di incontro e di confronto, un momento di progettazione integrata per il futuro che collega le esperienze sul campo con le radici delle tradizioni africane e i movimenti artistici nazionali ed internazionali.

2 SETTEMBRE ORE 18
IBRIDE COSTELLAZIONI: ESPERIENZE DI PRODUZIONI ARTISTICHE INTORNO ALL’AFRICA

L’incontro si propone come momento di scambio e riflessione intorno all’esperienza italiana dell’arte africana contemporanea. Una breve mappatura di alcuni progetti e pratiche milanesi ed italiane introdurranno ad un dialogo con gli artisti Mor Talla Seck e Ako Atikossie che da anni lavorano in Italia e che in occasione di Contaminafro espongono i loro lavori negli spazi della Cattedrale della Fabbrica del Vapore.

Mappe:

Africa & Mediterraneo: riflessioni e pratiche intorno all’arte africana contemporanea
A cura di Simona Cella
Una breve panoramica dell’esperienza della rivista Africa & Mediterraneo che dal 1999 attraverso dossier tematici e l’organizzazione di mostre riflette sull’arte Africana contemporanea

Arte Africana nelle istituzioni milanesi:
A cura di Daniela Frigo
Un excursus che partendo dalla La Casa delle Culture del Mondo fondata nel 2009 passa in rassegna il Museo delle Culture MUDEC e la piattaforma M-WAM, network degli artisti internazionali, analizzando brevemente il ruolo che le istituzioni milanesi hanno avuto nella promozione dell’arte africana a Milano in questi ultimi anni.

Dialoghi:

Ako Atikossie e Mor Talla Seck presenteranno i lavori esposti negli spazi della Cattedrale della Fabbrica del Vapore.

4 SETTEMBRE ORE 18
ARTISTI AFRICANI TRA TRADIZIONE E CONTEMPORANEITÀ

Con Francesca Guerisoli, Geppino Materazzi, Kikoko

La conversazione prova a ragionare sul significato dell’arte tradizionale riguardo al contesto rituale e sociale delle comunità africane e all’incontro con il sistema critico e formale occidentale.La 56.ma Biennale di Venezia, diretta dal nigeriano Okwui Enwezor, vede una presenza consistente di artisti africani e diventa occasione per una riflessione sulla ricerca artistica africana contemporanea.
Kikoko, completa l’incontro ragionando del suo percorso artistico e delle radici e dei materiali della sua ricerca.

Convenzione ALMA MATER di Yuval Avital alla Fabbrica del Vapore

convenzioniAll’8 luglio al 29 agosto alla Fabbrica del Vapore si terrà la mostra “Alma Mater di Yuval Avital” in dialogo con il Terzo Paradiso di Michelangelo Pistoletto.

Presentando in biglietteria la tessera i soci Arci hanno diritto all’acquisto del biglietto ridotto al prezzo di 7,50 euro.

Alma Mater è un quadro allegorico di 1200 mq, composto da uno straordinario connubio di eccellenze creative nazionali ed internazionali: l’installazione luminosa site-specific di Enzo Catellani e le creazioni di Architettura Sonora sono le colonne portanti di questo potente progetto; videoproiezioni delle leggendarie ballerine del Teatro alla Scala, Liliana Cosi e Oriella Dorella che si librano in eteree evoluzioni luminose, accompagnano inedite performance delle merlettaie di Cantù.
Alma mater viene, così, a costituirsi nella connessione delle sue componenti, forti identità che si armonizzano in un visionario unicum artistico ispirato all’archetipo della madre nutrice, per offrire ai visitatori un intenso viaggio poetico ed esplorativo, arcaico e futurista, terreno e trascendente.

Yuval Avital, artista compositore apprezzato a livello internazionale per le sue opere di massa, ha realizzato un’elaborata partitura composta da intrecci sonori, accostando frammenti di voci di nonne provenienti da tutto il mondo a sinfonie prodotte dalla natura, raccolte grazie al contributo di Centri di Ricerca Etnomusicologica, Antropologica e dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia.
Favole, canti tradizionali, sussurrii e preghiere si intessono a vibrazioni sismiche, boati di vulcani, suoni di abissi e gorgoglii di gocce d’acqua, dando vita ad una foresta di 140 altoparlanti, progettati da Architettura Sonora.

All’interno della Fabbrica del Vapore è, inoltre, predisposto un Health Bar con una proposta di natural food&beverage e dove Cusumano mette a disposizione la qualità dei suoi vini.
Completano la fitta trama di composizione del progetto perfomance di artisti internazionali, eventi collaterali, workshop, laboratori e dibattiti.
Allievi del corso per fotografi di Scena dell’Accademia Teatro la Scala sono stati invitati a documentare l’evento.

Arci Milano partecipa alla World Fair Trade Week – MilanoFairCity

milano fair city
Arci Milano e Arci Lombardia saranno presenti a MilanoFairCity, alla Fabbrica del Vapore dal 28 al 31 Maggio 2015.

La manifestazione si inserisce nella cornice della World Fair Trade Week: il movimento mondiale del Commercio Equo e Solidale si dà appuntamento nella città di Expo2015 dal 23 al 31 Maggio 2015 per raccontare di sovranità alimentare, giustizia, ambiente e diritti. Sei gli eventi che per dieci giorni faranno di Milano capitale del Fair Trade nel campo della ricerca, della cucina, della moda e dei consumi in generale.

Centinaia tra espositori, ristoratori, ricercatori universitari, piccoli imprenditori, fashion maker dell’economia sociale e solidale attesi da oltre 55 Paesi. Ma soprattutto le persone e le loro storie uniche che insieme disegnano il panorama mondiale del Movimento del Commercio Equo e Solidale saranno le vere protagoniste dell’evento mondiale organizzato da WFTO -World Fair Trade Organization- ed Equo Garantito, l’Assemblea Generale italiana del Commercio Equo e Solidale in collaborazione con il Comune di Milano e grazie al sostegno di Fondazione Cariplo e del progetto EU ‘Food Smart Cities for Development’.

Il tema della ‘responsabilita’ è il filo conduttore di questa edizione italiana della World Fair Trade Week e attraversa tutti gli eventi della settimana in citta porgendo ai cittadini e ai visitatori degli eventi, in modo concreto e visibile, l’esempio dell’operato delle organizzazioni del Commercio Equo e Solidale. Centinaia di relata che garantiscono l’eccellenza sociale e ambientale dei prodotti attraverso una filiera commerciale corta e virtuosa che punta alla giusta remunerazione e ad uno sviluppo che possa davvero ‘nutrire il pianeta’ in modo equo. Milano ha ricevuto -lo ricordiamo- il testimone dalla passata edizione di Rio nel 2013 direttamente nelle mani del rappresentante del Sindaco Giuliano Pisapia-; l’amministrazione comunale ha fortemente voluto questa manifestazione e collaborato alla sua realizzazione ponendola a pieno titolo nel calendario di ExpoCittà.

Dal 28 al 31 maggio, nel maestoso spazio polifunzionale della “Fabbrica del Vapore”, l’evento forse più atteso della World Fair Trade Week: Milano Fair City, la prima fiera internazionale del Commercio Equo e Solidale – con 30 Paesi e 4 continenti rappresentati e 250 stand di cibo e artigianato – è una straordinaria occasione per incontrare e stringere la mano a decine di produttori del Commercio Equo e Solidale, per la prima volta insieme in unita di tempo e luogo, con i loro prodotti ma soprattutto con i loro volti e le loro testimonianze, tra cui spiccano quelle delle donne, vero pilastro dell’economia globale: dai batik di Global Mamas, artigiane del Ghana, al cous cous integrale delle donne palestinesi di Parc, dalle camere d’aria riciclate “artistiche” di Sapia, Colombia al cioccolato modicano con cacao bio ed equo. Sono attesi con particolare emozione i produttori del Nepal. Una “sovranita alimentare”, cibo e bevande, che ritroveremo nei punti di ristoro di Milano Fair City e rappresentera un pacifico e reale contraltare alla retorica di EXPO2015. A Milano Fair City partecipano inoltre numerose realta dell’economia solidale italiana, dalla finanza etica al turismo responsabile, dall’agricoltura biologica alla cooperazione sociale. Il ricco programma culturale su milanofaircity.org

Il programma degli appuntamenti a cura di Arci e Chiesa Valdese

VENERDì 29 maggio

■ DALLE 16.00 ALLE 18.00 – stand ARCI
Laboratori per bambini

■ ORE 19.30 – palco A Vapore
Karamogo in concerto

SABATO 30 maggio

■ DALLE 16.00 ALLE 18.00 – stand ARCI
Laboratori per bambini

■ ALLE 20.30 – palco A Vapore
Mitoka Samba in concerto.

DOMENICA 31 maggio

■ ALLE 16.00 – edificio Maialino, sala Meet
Laboratorio di turismo consapevole  e Scambio Casa per resistere alla crisi.
Con Cristina Pagetti, Homeexchange.

■ ALLE 17.30 – edificio Maialino, sala Open Dalla Sharing economy al Crowdfunding.
Con:
– Cristina Pagetti, Homeexchange
– Dino Taddei, Arci Traverso (Trattoria popolare)
– Filippo Alestra, esperto in web communication
Modera Graziano Fortunato

In totale sono sei gli eventi della World Fair Trade Week: la World Fair Trade Conference dal 24 al 27 Maggio che accoglie al Hotel Klima oltre 221 delegati WFTO da 57 Paesi del Mondo, la Milano Fair City -prima fiera mondiale del Fair Trade- alla Fabbrica del Vapore di via Procaccini che ospita 170 espositori da 30 Paesi e un calendario di 40 tra incontri e conferenze. E ancora la Fair&Ethical Fashion Show all’Ex Ansaldo prima fiera internazionale di moda etica e sostenibile con un ricco programma culturale e 30 espositori da 12 Paesi -prevista tra le altre la premiere italiana di ‘The True Cost’ docufilm di Andrew Morgan sul mondo della produzione della moda, il Fair Trade Symposium organizzato insieme al Politecnico di Milano dove 70 ricercatori da 12 Paesi si confrontano su 59 paper di studio e l’assemblea annuale di AGICES-Equo Garantito, momento di incontro e confronto tra i protagonisti del settore in Italia, settore che malgrado la crisi vede aumentare i suoi punti vendita. E infine la Milano Fair Cuisine, che dal 16 al 31 Maggio vede gli chef di 26 ristoranti di Milano e d’Italia confrontarsi con gli ingredienti della ‘dispensa etica’ del Fair Trade e proporre serate a tema Fair Trade.

Dichiarazione di Sergio Silvotti, Presidente Fondazione Triulza:

“Fondazione Triulza ha deciso di aderire convintamente alla World Fair Trade Week – spiega il Presidente Sergio Silvotti – perché crediamo nel commercio equo e solidale e vogliamo condividerne l’importanza coi visitatori di Expo Milano 2015, ma anche fuori dall’esposizione universale. Nel Padiglione della Societa Civile, Cascina Triulza, infatti, abbiamo allestito un mercato aperto ai piccoli produttori, alle imprese cooperative e agli artigiani che risponde a questi valori e vuole far riflettere su quanto sia essenziale una produzione più vicina alla cooperazione, ai territori, più rispettosa dell’ambiente e dei diritti umani. Il Padiglione, che è organizzato e gestito da una rete a cui aderiscono le principali realta del Terzo Settore, vuole essere un ponte di collegamento tra Expo e questo evento sul commercio equo ospitando anche alcuni dei suoi protagonisti”, conclude Silvotti.

Sabato 28/3 ore 17: L’importanza della lingua madre in una società poliglotta e multiculturale

Sabato 28 marzo alle ore 17, all’interno della mostra-workshop MILANO CITTÀ MONDO nell’ambito delle attività alla Fabbrica del Vapore del progetto M-WAM Milan World Arts Map si terrà il laboratorio – seminario:

L’importanza della lingua madre in una società poliglotta e multiculturale
al quale partecipano :

Ana Pedroso Associazione Cubeart
Carmen Covito Associazione AsiaTeatro
Geppino Materazzi Arci Milano
Jorge Ojeda Equagruppo ed Concultura. Gruppo di Danza “Diavolo Huma”
Paola Pontani Cooperativa Chirone mediazione linguistica e culturale
Vermondo Brugnatelli Associazione Culturale Berbera

Si prevede anche una Video conferenza da Roma con Raul Bolaños (Academia Mayor de la lengua Quechua ) del Perù.

Milano è una metropoli internazionale e multiculturale dove convivono un grande numero di piccole e grandi comunità che provengono dai luoghi più diversi del nostro pianeta. Oltre l’italiano e le grandi lingue di comunicazione internazionale ogni persona porta la pratica o il ricordo della sua lingua madre.

La propria lingua familiare ricorda una ricchezza infinita di storie, di tradizioni, di sonorità, di sfumature, di suggestioni, di immagini che hanno accompagnato la propria crescita umana e sociale. Nel grande tritacarne della mondialità queste risorse possono andare disperse, soprattutto nell’uso quotidiano delle giovani generazioni.

Per questo ci sembra importante in tutte le situazioni rafforzare l’ importante valore della diversità linguistica e culturale, che nell’ambito creativo artistico creativo ritrova la sua materia organica fondamentale, rispondendo anche al messaggio dell’UNESCO e dell’ONU che promuovono per il 21 febbraio la Giornata Internazionale della Lingua Madre.

L’importanza della lingua madre in una società poliglotta e multiculturale
Sabato 28 marzo ore 17
Fabbrica del Vapore
ex locale Cisterne
Via Procaccini 4
Milano

4° Forum delle Politiche Sociali

milano_socialeDal 27 febbraio al 7 marzo Milano torna protagonista del dibattito sul welfare con il 4° Forum delle Politiche sociali, un confronto lungo 9 giorni, con 40 appuntamenti e 280 relatori, organizzato dal Comune di Milano in vari luoghi della città, da Palazzo Marino, alla Casa dei Diritti, dalla Fabbrica del Vapore alla Casa della Legalità.

Saranno coinvolti enti, istituzioni, associazioni del Privato sociale e di volontariato, chiamate a fare il punto su quanto fatto finora e su ciò che ancora deve essere compiuto per garantire servizi, assistenza e riconoscimento a tutti i cittadini.

Il Forum sarà l’occasione per approfondire temi, presentare progetti, ascoltare i protagonisti e avanzare proposte sia in ambito locale sia a livello nazionale, con una serie di richieste che saranno rivolte nuovamente al Governo, dallo stop al taglio delle risorse per il welfare, all’introduzione di misure di sostegno al reddito, dalla tutela dei diritti civili al superamento della cittadinanza per ius sangunis.

L’edizione di quest’anno sarà dedicata a Franco Bomprezzi, giornalista, presidente di Ledha e anima dei progetti e delle iniziative del Comune sulla disabilità scomparso prematuramente lo scorso dicembre.

Scarica il programma completo

4Forum_PoliticheSocialiSi inizia venerdì 27 febbraio alle 9:30 alla Fabbrica del Vapore in via Procaccini 4 con gli interventi del Sindaco Giuliano Pisapia e dell’assessore alle Politiche sociali, Pierfrancesco Majorino che apriranno il Forum introducendo una mattinata ricca di relatori tra cui: il Prefetto di Milano Francesco Paolo Tronca, il presidente onorario di Libera, don Luigi Ciotti, il presidente di Fondazione Cariplo, Giuseppe Guzzetti, il direttore di Caritas Ambrosiana don Roberto Davanzo, l’ assessore regionale alla Famiglia, Solidarietà sociale, Volontariato e Pari Opportunità, Maria Cristina Cantù, solo per citarne alcuni. In programma anche gli interventi del Sottosegretario al Welfare, Luigi Bobba, curatore della Riforma del Terzo Settore e del presidente di Inps, Tito Boeri. Tutti insieme daranno vita ad un lungo confronto a più voci sulla città con i suoi principali attori nel campo del welfare.