Twitter

Tag: convenzione tesserati

MTM: 20-25 marzo promozione “Montagne russe”

per tutti i tesserati Arci…è il momento di sfruttare la convenzione!

Dal 20 al 25 marzo le Manifatture Teatrali Milanesi (presso il Teatro Litta) presentano

“Montagne russe”

di Eric Assous – regia Fabrizio Visconti – con Rossella Rapisarda, Antonio Rosti – scene Marco Muzzolon – costumi Mirella Salvischiani – disegno luci Fabrizio Visconti – musiche originali Marco Pagani – un progetto La Gare – coproduzione Arterie C.I.R.T. – gli Eccentrici Dadarò

Un uomo e una donna. Un bar a fine giornata e poi un appartamento. Un copione apparentemente già scritto, eppure, minuto dopo minuto, via via più inaspettato e imprevedibile. Una sfida, un gioco delle parti. Ma di quale gioco si sta parlando? E quali carte sono davvero scoperte? Un intreccio di strategie raffinate e crudeli e, allo stesso tempo, un grande vuoto da colmare. Un faccia a faccia da vivere molto da vicino, come spettatori che guardano nella finestra di un dirimpettaio di casa, quasi seduti sul divano di quell’appartamento che non è il proprio, eppure, in qualche modo, potrebbe anche esserlo.

Teatro Litta
da martedì a sabato ore 20:30 – domenica ore 16:30
Durata: 1 ora e 30 minuti
Biglietti: convenzione tesserati Arci per la “prima” 16 € vs 24 €

in più PROMOZIONE SPECIALE
A disposizione per i tesserati fino a due biglietti a 13,80€ cad.* per tutte le repliche

Per aderire è sufficiente scrivere una email a biglietteria@mtmteatro.it o telefonare al numero 0286454545 e attendere una conferma. La disponibilità dei biglietti in promozione è limitata.

 

 

Pacta dei Teatri: Marylin e la Signora in giallo – 14 – 25 giugno

Pacta dei Teatri: 14 – 25 giugno

Marylin e la Signora in giallo, forever

Di Ileana Alesso e Gianni Clocchiatti

Con Maria Eugenia D’Aquino e Annig Raimondi

Regia Riccardo Magherini

Musiche originali Maurizio Pisati

Disegno luci Fulvio Michelazzi

Costumi Nir Lagziel

Assistente alla regia Eleonora Ferioli

Produzione PACTA . dei Teatri

Casualmente, due donne s’incontrano: due voci che si riconoscono. Una è la voce di un mito, l’indimenticabile Marylin, l’altra è quella della Signora in giallo, dell’inossidabile Jessica Fletcher. Due brave attrici, perché questa è la loro vocazione, che donano la voce a due grandi miti, perché questo è il loro lavoro. Strano mestiere questo, l’essere conosciute da tutti mentre nessuno conosce il tuo nome. Chissà come sarà il mondo visto da chi non si vede. E’ l’incontro di due vite, anzi di quattro. Si accendono i ricordi, le immagini, la velocità dei fotogrammi e qualche rimpianto. – “Happy birthday Mr. President, happy birthday to you …Come avrei desiderato continuare a darle la mia voce anche dopo quella canzone. Ma non ce ne fu il tempo. Non sono riuscita ad invecchiare con lei come invece hai fatto tu” – parole che sembrano provenire proprio da lei, da Marylin, è sua la voce, anche se chi le sta pronunciando è un’altra. – “Sei tu la fortunata” – risponde la voce di Jessica – “la tua voce ha seguito la sua vita, tu hai fermato il tempo sopra la grata della metropolitana.” Mondi che si incrociano, si sdoppiano, rimescolandosi. Non sappiamo più chi stia parlando, se Marilyn o il suo doppio, se Jessica o la sua fidata doppiatrice. Come andrà a finire? Cosa accadrà durante questo insolito e impossibile viaggio? Se Marilyn ci ha sempre sorpreso, tutti sappiamo che è Jessica quella del colpo di scena dietro l’angolo…

 

RITIRO BIGLIETTI
via Ulisse Dini 7, 20142 Milano
orari uffici: dal lun al ven dalle 16 alle 19
orari biglietteria (nei giorni di spettacolo): dal mar al sab dalle 16 – dom dalle 15

INFO e PRENOTAZIONI 02/36503740 | biglietteria@pacta.org | www.pacta.org

Convenzione ARCI: ingresso ridotto 12 € (+1,50 € prevendita) vs 24 € + prevendita

 

“Di mano in mano”, convenzione rinnovata!

Una convenzione con solide basi! Arci Milano e l’impresa sociale “Di mano in mano”

…Solo un sistema economico finanziario finalizzato a ridurre al minimo il consumo di risorse e la produzione di rifiuti, che riduce gli sprechi, aumenta la durata di vista degli oggetti e ricicla le materie prime contenute in quelli dismessi, utilizza le innovazioni tecnologiche per attenuare al minimo l’impatto ambientale dei processi produttivi e non per aumentare la produttività, sviluppa al massimo l’auto-produzione di beni, le filiere corte, gli scambi non mercantili, in una parola, solo un’economia della decrescita ha una potenzialità di futuro in grado di invertire la tendenza autodistruttiva insite nell’attuale uso della razionalità per un fine irrazionale.

Avete letto tutto d’un fiato e siete pienamente d’accordo? Bene…allora sarete entusiasti della rinnovata convenzione tra Arci Milano e l’impresa sociale “Di mano in mano”!

Come nasce “Di mano in mano”? L’impresa sociale, attiva da oltre 15 anni sul territorio italiano , affonda le sue radici nell’esperienza delle comunità di vita di Villapizzone e Castellazzo.
L’attività, nata inizialmente per sostenere le comunità famigliari, è cresciuta e si è strutturata nella Cooperativa Di Mano in Mano che con circa 50 soci, 15 dipendenti e 27/30 persone svantaggiate, è in Italia una delle più importanti realtà di questo tipo.

Dal 2008 inoltre, con lo sbarco sul web, tutti i prodotti che passano dalla Cooperativa sono a portata di clic; il mercato si è ampliato notevolmente, tanto che i clienti sono sparsi per tutto il mondo.

Nei due negozi “Di mano in mano”, uno a Milano in Viale Espinasse 99 e uno a Cambiago in via Castellazzo 8, è possibile trovare mobilio e complementi d’arredo di antiquariato e modernariato, oggettistica, accessori e vestiti vintage e due fornitissime librerie con decine di migliaia di libri usati.
Ogni mese inoltre, l’impresa sociale da’ vita ad eventi dedicati all’antiquariato, al modernariato, all’arte e alla moda per dare la possibilità a tutti i clienti di conoscere il nostro mondo attraverso iniziative interessanti.

Oltre alla vendita nei due negozi e sul sito web, “Di mano in Mano”offre vari servizi ai soci Arci sgomberi e ritiri d’arredo gratuiti; servizio di restauro: nei nostri due laboratori ci adoperiamo per ridare antico splendore ai mobili di antiquariato e modernariato ma anche alle opere d’arte come quadri e sculture.

Infine, l’impresa sociale acquista antiquariato, dagli arredi dal ‘600 a metà del ‘900 agli arredi in stile e scenografici ma anche quadri, lampadari, bronzi, ceramiche, libri da collezione, intere biblioteche, design e arte contemporanea.

Anche per quest’anno è stata rinnovata la convenzione che riserva ai tesserati Arci uno sconto del 10% sugli acquisti e un trattamento speciale per tutti gli altri servizi!

Che altro dirvi…buone visite (e acquisti) alla mecca della decrescita felice!

Manifatture Teatrali Milanesi: promozione “Romeo e Giulietta”, 23 marzo – 2 aprile 2017

ROMEO E GIULIETTA

DI W. SHAKESPEARE – ADATTAMENTO E REGIA CORRADO D’ELIA

assistente alla regia Federica d’Angelo,
con Giulia Bacchetta, Andrea Bellacicco, Alessandro Castellucci, Angelo Di Figlia, Sebastien Halnaut, Gianni Quillico, Andrea Pinna, Chiara Salvucci, Andrea Tonin, Emanuele Turetta, Antonio Valentino
e con Luigi Bertacchi, Noemi Ederle, Francesco Marchi, Gabriele Pierani, collaborazione ai movimenti scenici Lara Guidetti, ideazione scenica e grafica Chiara Salvucci, luci Marco Meola, costumi Caterina Villa, foto di scena Angelo Redaelli, tecnico luci Alessandro Trapani – tecnico audio Gabriele Copes

Su una scena composta da muri umani che si muovono e si intrecciano al ritmo di un’ossessiva musica trance, riviviamo l’appassionata vicenda dell’amore di Romeo e Giulietta e dell’odio di due potenti famiglie. Un frate, esperto alchimista di vita e di morte, conduce esperimenti con alambicchi umani, versando in ampolle vive le sue pozioni animate e scaldando fino all’ebollizione gli animi già infuocati degli uomini.
Allora il tempo si sdoppia e per uno scherzo del destino le ore dei due amanti si sfalsano e si moltiplicano in corse infinite. Così, una lettera che doveva arrivare non arriverà mai e il tempo del risveglio per uno diventa il tempo di morte per l’altro. Amore e Morte ancora una volta insieme, ad unire per sempre ciò che l’odio avrebbe tenuto eternamente distante: due amanti, parti tenute insieme ma leggermente sfalsate in un’unica, meravigliosa, eterna storia d’amore. Uno spettacolo magico, dinamico, emozionante e coinvolgente per raccontare questa storia senza tempo. Due famiglie, Montecchi e Capuleti, ma soprattutto due generazioni: quella dei ragazzi e quella degli adulti. Due mondi tragicamente incapaci di comunicare tra loro. Due linguaggi diversi, qui intrecciati a creare un equilibrio delicato, nella bella Verona.

 Presentando questo articolo (stampato o sul telefono) oppure la tessera Arci
Ogni utente può acquistare fino a DUE BIGLIETTI a €16 CAD. + PREV. x tutte le repliche

Puoi prenotare i biglietti a prezzo agevolato scrivendo a biglietteria@mtmteatro.it o telefonando allo 02 86 45 45 45,  specificando nome, cognome, telefono, data e spettacolo.

 

Teatro del Buratto: promozione THE FLICK, 9-19 marzo

Il Teatro del Buratto ha stipulato con i circoli Arci una convenzione per promuovere tutti gli spettacoli della storica sede del Teatro Verdi situato in via Pastrengo – nel cuore del quartiere Isola – a prezzo ridotto (a 14€ anziché 20€).

Per lo spettacolo THE FLICK garantisce ai soci una promozione speciale dedicata  (lo spettacolo sarà in scena dal 9  al 19 marzo presso il Teatro Verdi situato in via Pastrengo, nel cuore del quartiere Isola)

La proposta è così articolata: 30 biglietti a €10,00cad. (anziché €20,00) per le repliche da 9 al 16 marzo (€1,00 di prevendita da aggiungere)

dal 9 al 19 marzo 2017 – PRIMA NAZIONALE

THE FLICK

di Annie Baker / Premio Pulitzer 2014

Con The Flick l’autrice statunitense Annie Baker ha vinto il premio Pulitzer nel 2014.
The Flick è un cinema in cui i film vengono ancora riprodotti da un proiettore tradizionale trentacinque millimetri che presto verrà sostituito da un sistema digitale contemporaneo.
Proprio come la sala cinematografica per la quale lavorano, i tre protagonisti stanno attraversando profondi cambiamenti nelle loro rispettive vite.
Film e cinema sono al centro della narrazione ma rivelano anche il carattere dei personaggi: la conoscenza cinematografica enciclopedica di Avery – che gli permette di elaborare i sei gradi di separazione tra Michael J Fox e Britney Spears – è un simbolo di una profonda depressione; Sam, un uomo che, pur destinato a essere un inserviente addetto alla pulizie di basso grado, è pieno di desideri inarticolati; Rose, la proiezionista di The Flick, è condizionata dalla paura e della sua incapacità di mantenere relazioni a lungo termine.

La bellezza del testo della Baker risiede nel ritratto di tre persone silenziosamente disperate. Il testo muove il proprio ritmo senza fretta ed evidenzia magicamente come le anime delle persone sole rischiano di essere lasciate indietro dalla nostra nuova era digitalizzata.