Twitter

Tag: Cecilia Strada

Arci fa la cosa giusta! La partecipazione Arci alla fiera “Fa la cosa giusta” – Milano, 8-10 marzo

La partecipazione e gli appuntamenti Arci alla fiera “Fa la cosa giusta” – Milano, 8-10 marzo

Fa’ la cosa giusta! è la prima e la più grande fiera nazionale del consumo critico e stili di vita sostenibili. La sedicesima edizione dell’evento si svolgerà dal 8 al 10 Marzo 2019, nei padiglioni 3 e 4 di Fieramilanocity. Nata nel 2004 da un progetto della casa editrice Terre di mezzo ha la finalità di far conoscere e diffondere sul territorio nazionale le “buone pratiche” di consumo e produzione e di valorizzare le specificità e le eccellenze, in rete e in sinergia con il tessuto istituzionale, associativo e imprenditoriale locale. Anche quest’anno Arci parteciperà alla fiera portando le sue idee, le sue passioni, il suo entusiasmo. Ecco il ricco calendario di eventi made in Arci Lombardia a “Fa la cosa giusta!”che si terranno presso lo stand, stand che quest’anno sarà caratterizzato dalla nave Mar Ionio del progetto Mediterranea nella cornice “simbolica” dei campi di prigionia in Libia e della rotta “di terra” balcanica.

 

Venerdì 8 marzo: 18.00 – 19.30

Dialoghi sul decreto Pillon e l’otto marzo

Dialoghi sul decreto Pillon e la questione di genere ci vuole far riflettere su come questo decreto potrebbe incidere sulla vita delle donne e sulla condizione dei diritti che con “Il governo del cambiamento” fa un passo in avanti per farne almeno tre indietro ne discuteremo con Avv. Barbara Corbelli, Susanna Camusso, Chiara Lusetti. Organizza Arci Lombardia e Arci Milano

 

Sabato 9 marzo: 11.00 – 12.30

Non si interrompe un’ emozione

Il cinema Gloria è rimasto l’unico esempio di circuito di pellicole cinematografiche non commerciali a Como e rischia di finire in mano al solito mondo degli speculatori edilizi, lanciamo una campagna di fundraising collettiva sulla piattaforma Produzioni dal basso per farvi continuare a sognare con il mondo del cinema e con i film. Enzo Dantuono e Barbara Lombardi ci illustreranno la campagna e come partecipare. Organizza: Arci Lombardia e Arci Como

 

Sabato 9 marzo: 15.00 – 16.30

                           MiVino

Presentazione a cura di Altreconomia , Arci , Officina Enoica Milano  della fiera MiVino, che sarà un momento commerciale, culturale e di relazione con il pubblico e con gli operatori di settore per creare un effetto di lungo periodo, per riscoprire e promuovere le storie, l’attenzione, il lavoro di chi ha fatto della terra una ragione di vita e che mette amore in quello che fa. MiVino guarda anche al futuro, ad un’agricoltura etica e sostenibile, rispettosa dell’ambiente, dei prodotti e dei consumatori. la fiera si terrà a Base Milano dal 24 al 26 maggio. A cura di Arci Lombardia e Arci Milano

 

 

Sabato 9 marzo: 18.00 – 19.30

Il barcone arriva arriva! o il barcone arriva a riva?
dialoghi di, con, nel Mediterraneo con Cecilia Strada e Alessandro Bergonzoni, presentazione della Campagna Mediterranea nel tentativo di restare umani. A cura di Arci Lombardia e Arci Milano

 

 

 

domenica 10 marzo: 11.30-12.30

A tutta Birra!

In collaborazione con “Il luppolaio” brevi tecniche di degustazione della prima Arci birra e della Boomerang arci, un dialogo tra il nord e il sud del mondo seduti davanti ad un “boccale” … di mater-bi. A cura di Arci mantova relatore Mirco dei Cas

 

 

Domenica 10 marzo: 14.30 – 15.30,

Dieci spunti per mangiare bene

Cosa significa mangiare bene? Come possiamo fare per migliorare la nostra alimentazione, rispettando comunque le proprie abitudini e i propri ritmi? Può la cucina naturale coniugarsi alle necessità moderne, agli impegni e all’organizzazione della vita di tutti i giorni? Quali sono le tecniche, i consigli e i trucchi per poter mangiare bene, senza dover rinunciare ai propri spazi e tempi? Il Circolo Arci Coccodè laboratori per una vita sostenibile presenta un piccolo decalogo per capire come nutrirsi meglio e cambiare la propria alimentazione con consapevolezza. Di Arci coccodè, Arci Varese e Minonzio Lorenza

 

 

                      domenica 10 marzo:16.30 – 17.30

La filiera corta del Meditterraneo

la compagnia gioventù Bruciata multiculturale e di “provenienza mediterranea” ci aprirà le porte della arci festa di cremona dove tutto è fatto secondo le regole dello sviluppo sostenibile e dell’attenzione agli stili di vita … e dove la convivenza è un valore e la diversità una risorsa e l’unico muro che ci piace e quello di berlino che è venuto giù trent’anni fà. A cura di arci cremona

 

Sabato 9 e domenica 10 marzo, 10.00 – 18.30

Curare la memoria per combattere il fascismo

Punto di incontro, ascolto e raccolta di adesioni per la progettazione, l’ideazione e la produzione di nuovi strumenti per lo sviluppo di cultura antifascista in ogni luogo di aggregazione sociale (scuole, circoli e associazioni, centri giovanili e culturali, ecc.). A cura di Arci Lombardia, Arci Milano e Arci “26 x 1”. Con Marco Betti e Maurizio Favalli

Tutti i giorni c/o lo stand:

la mostra “Lungo la Balkan Route”

Una mostra che ci fa vedere una rotta ufficialmente chiusa con l’accordo turco europeo di marzo 2016 che vede passare ogni anno decine di migliaia di persone che dalla Grecia risalgono la dorsale balcanica per raggiungere i paesi dell’UE.
In che direzione vanno le politiche dell’accoglienza e in che modo si tutelano i diritti umani di fronte ai fili spinati e ai violenti respingimenti e deportazioni in atto dalle polizie europee?
Come stanno donne, bambini, minori non accompagnati, uomini bloccati nel limbo dei centri di accoglienza, campi per richiedenti asilo, centri di detenzione costruiti in questi anni alle porte di casa? Con Silvia Maraone, a cura di Arci Lombardia- Ipsia-Acli e Arci Milano

 

la mostra “Migranti ieri e oggi”

Migranti ieri e oggi. Scopri le differenze (se le trovi). Mostra fotografica che accosta immagini scattate a distanza di un secolo relative all’emigrazione italiana e agli odierni migranti. Scopo della mostra è evidenziare le analogie tra chi cerca un futuro migliore oggi e chi lo cercava ieri. La mostra è stata curata da Arci Varese, Fotoclub di varese e circolo Arci Albatros, Mauro Sabbadini e Arci Lombardia

 

RESTIAMO UMANI un ricordo di Vittorio Arrigoni

Vittorio, Vik Utopia, Arrigoni è stato uno di quegli uomini tanto rari quanto preziosi. Uno di quelli che non si accontenta di criticare un’ingiustizia, ma si batte in prima fila per difendere i più deboli.

Uno di quelli che partecipa, testimonia e diffonde consapevolezza. Uno di quelli di cui si parlerà, si dovrà parlare, nei libri di Storia.

Vittorio è morto a 36 anni, proprio un anno fa, il 15 aprile 2011. È morto, ucciso in circostanze ancora da chiarire fino in fondo, privandoci di un punto di riferimento. Perché, tra le altre cose, proprio questo era diventato: per chi come noi ha da sempre a cuore le sorti del popolo palestinese, e in particolare dei cittadini della StrisciaDiGaza, la più grande prigione a cielo aperto del mondo; per chi non aveva nessun’altra fonte di informazioni, a parte la sua voce solitaria e coraggiosa che telefonava da sotto i bombardamenti, a parte le parole dei suoi articoli che analizzavano e denunciavano cosa vuol dire vivere sotto costante assedio. Vittorio era anche amico dell’Arci e dei tantissimi circoli che l’hanno ospitato in tutta Italia per presentare il suo libro Restiamo Umani, la raccolta di articoli in cui raccontava quotidianamente al mondo intero «l’operazione poliziesca» di Israele chiamata PiomboFuso, che in tre settimane ha prodotto più di 1000 morti, tra cui una moltitudine di bambini. Proprio quei bambini primi destinatari dell’attività di Vik. Perché di lui si è detto tanto e gli sono state date molte etichette: era sicuramente un pacifista, un attivista dell’ISM, un giornalista, un blogger, un aiuto medico, un compagno.

Ma a noi piace pensare che fosse anche un educatore, una figura significativa per i ragazzi e le ragazze, che soprattutto in quel territorio martoriato rappresentano una speranza per il futuro: innumerevoli le foto che lo ritraggono con i bambini e le citazioni che gli riservava nei suoi articoli, cruciale il suo ruolo anche con i coraggiosi giovani del movimento Gaza Youth Breaks Out. Con questo spirito ci sentiamo di non voler abbandonare la sua opera e gli obiettivi della sua lotta: è importante dunque ricordarlo, non solo in questo triste anniversario, ma con un impegno quotidiano.

A Milano, il 15 aprile, Arci ha dato il proprio contributo alla grande iniziativa LIVING SUMMIT-Restiamo Umani, in cui un gruppo di artisti, attivisti e amici di Vik ha dato vita aun tributo in musica e parole. Un modo per ricordarlo vivo e sorridente, ma anche un’occasione per riaccendere una luce d’attenzione sulle azioni di solidarietà che dal mondo si muovono verso Gaza, clamorosamente intralciate dal governo israeliano. Con quello stesso gruppo di artisti, inoltre, Arci sta per iniziare una collaborazione per la diffusione di un progetto molto ambizioso: Restiamo Umani-The reading movie, un documento video in cui importanti personalità del mondo della cultura internazionale leggono e commentano i 19 capitoli del suo libro. (www.restiamoumani.com).

In conclusione facciamo nostre le parole che Vittorio Arrigoni ci ha insegnato, l’Utopia che inseguiva e nella quale crediamo ancora: la possibilità che entri in tutte le persone, in tutti i governi, in tutti gli organismi internazionali, la semplice e profondissima convinzione che si possa vivere in pace, senza bandiere e nel rispetto reciproco tra tutti i popoli. Crediamoci per Vik, colui che in tutti i sensi ha rappresentato l’Essere Umano.

Stephan Greco