Twitter

Tag: blues

Due mondi, un solo circolo: Arci Pessina

Venerdì 1 giugno, a partire dalle 21.30, due colori e due anime, il blue(s) americano e il green delle pianure irlandesi si fonderanno nella splendida cornice di Chiaravalle…sul palco del circolo Arci Pessina salirà il quartetto Blue4Green, creando un viaggio immaginario dalla musica irlandese alla musica tradizionale americana, tra bluegrass, blues e swing, arricchendolo con composizioni originali. I Blue4Green, cioè Anita Camarella, Davide Facchini, Paolo Ercoli e Rino Garzia, si caratterizzano anche per l’uso di strumenti poco convenzionali come il dobro, il pedal steel, l’autoharp e il mandolino creando così un mix intenso e vibrante: una musica che naviga sull’oceano, tra Europa e Stati Uniti.

Il concerto dei Blue4Green è una delle attività rivolte al territorio sotto il progetto #NuoviPaesaggiCulturali e come programmazione musicale del Circolo Arci Pessina, Sounds of #Chiaravalley.

Sound of Chiaravalley e colazione con l’autore, la doppietta del Pessina

È un mondo anacronistico quello di Veronica Sbergia & Max De Bernardi, dove si incontrano blues e ragtime, l’hokum, le jug band e la rural music degli anni ’20 e ’30 mescolati in un fantastico twist moderno. Max e Veronica suonano insieme da anni e hanno vinto l’European Blues Challenge del 2013 e sono stati selezionati nel 2015 per l’International Blues Challenge di Memphis. Hanno fatto tour negli U.S.A., Austria, Francia, Belgio, Svizzera, Ungheria, Norvegia, Spagna, Germania, Inghilterra, Scozia, Polonia, Romania ed ora suoneranno, venerdì 18 maggio alle ore 21.30, anche al Pessina, in #Chiaravalley.

Il concerto di Veronica Sbergia & Max De Bernardi è una delle attività rivolte al territorio sotto il progetto #NuoviPaesaggiCulturali e come programmazione musicale del Circolo Arci Pessina, Sounds of #Chiaravalley.

Continua anche la rassegna ”Colazione con l’autore”: Il 6 agosto del 1985 la mafia uccise a Palermo Roberto Antiochia. Sua madre, Saveria, dedicò da quel momento in poi tutte le sue energie all’antimafia; consegnò a “la Repubblica” una lettera implacabile indirizzata al Ministro degli Interni, accusandoli di aver abbandonato tutti al sud, comprese le forze dell’ordine. Fu tra i fondatori del Circolo Società Civile di Milano, del coordinamento antimafia di Palermo e di Libera. Una vita dedita a contrastare una forza oscura che le ha portato via un figlio ma non la forza di amarlo e di rendere l’Italia un Paese migliore. “In nome del figlio”, scritto da Jole Garuti ed edito da Melampo editore, ci racconta la storia di Saveria e sarà presentato al circolo Pessina domenica 20 maggio alle ore 11.00 per una colazione d’autore; con l’autrice ne discuteranno due socie del Circolo, Tiziana Galvanini e Laura Miani.

Nel pomeriggio sarà inaugurata “Casa Chiaravalle”. Il Circolo Arci Pessina parteciperà alle iniziative previste /// 20 maggio inSiEME|Inaugurazione di Casa Chiaravalle

 

Chiravalle in blue…

Serata calda e coinvolgente al circolo Arci Pessina (via San Bernardo 17, Chiravalle, Milano). Avvolti nel “blue”, nella musica profonda e antica come una botte di whiskey invecchiato, con un profumo di acero che dà il “calore” agli strumenti…tutto questo, e altro ancora, lo potrete gustare al circolo di Chiaravalle giovedì 1 marzo, quando sul palco del circolo saliranno i BlueMaples. Il trio ci farà abbracciare senza steccati molta musica popolare americana, sia bianca che nera. C’è il Blues ma anche tanto di quello che gli gira attorno. Retrogusti che spaziano da Woody Guthrie a Dylan attraverso boogie, rock, soul and soup e, qua e là, qualche momento di country….Mauro Musicco (chitarra e voce) accompagnato da Alessandro Cuomo (chitarra) e Beppe “Harmonica Slim” Semeraro (armonica), strumentisti di riconosciuta esperienza, ci regaleranno una serata all’insegna di una musica di un altro luogo e un altro tempo, per raccontare cose che sono però molto vicine a noi.

Quindi…”Save the date”: 1 Marzo, ore 21.30, ingresso 7€, tessera arci a portata di mano (quella con cui non sorseggiate un whiskey)

Agorà presenta: Tangenziale 66

TANGENZIALE 66 è un viaggio coast to coast, tra la Comasina e il west.
TANGENZIALE 66 va dal desert-rock di frontiera al new-folk, passando per blues, jazz e psichedelia
TANGENZIALE 66 è una volta al mese (o quasi) sul palco del Circolo Agorà

questo venerdì 26 gennaio (dalle ore 22.00) sulla tangenziale incroceremo i Supermarket e la Muerte Chiquita…

I Supermarket nascono attorno al 2010 da un’idea del chitarrista Alfredo Nuti Dal Portone (Giacomo Toni, Saluti da Saturno, Jang Senato, Niconote). Calypso, cumbia, mariachi, manouche e tango, uniti al jazz, all’improvvisazione radicale e alla no wave – nello spirito, infine, della musica solare. Al secondo titolare della band, Marcello “Gianduia” Detti (Del Barrio, Giacomo Toni, Nobraino) estremamente ricco, si deve l’approdo a quell’attitudine cabarettistica delirante grazie alla quale il gruppo si è evoluto in una mini orchestra spettacolo a tutti gli effetti, con all’attivo centinaia di esibizioni l’anno nelle location più diverse (dai club tipicamente “indie” a Umbria jazz).

La Muerte Chiquita affonda la sua ricerca nelle polverose strade della Baja California e della frontiera messicana, strizzando l’occhio ai ritmi caraibici, alle rhumbe del sud america e di cuba, il tutto condito da un amore per il blues, boogaloo e per le storie noir da narcotraffico di frontiera.