Twitter

Tag: arci cusano milanino

La domenica dell’Agorà!

In un mondo fatto di guerra scontri e povertà si può sempre scegliere di fare la differenza.
Al circolo Agorà, domenica 24 a partire dalle 18,30, Lorenzo racconterà la sua esperienza sul confine “rovente” tra Messico e Stati Uniti, parte di un percorso missionario incominciato cinque anni fa.
Presenterà il suo nuovo libro: L’ORIZZONTE SUL CONFINE, Diario del Messico.
Inoltre ci esporrà, come ha intenzione di progredire con il suo progetto CON UN PAIO DI SCARPE, per sostenere dodici bambini orfani che vivono in una casa famiglia in Nepal.

Per concludere si esibiranno in un concerto in puro stile rock’n’roll i LUCKY HAWKS, con ormai più di cinque anni di esperienza di gruppo alle spalle ed una vita dedicata allo studio di chitarra, basso e batteria !

Ingresso con Tessera Arci

Agorà presenta: Tangenziale 66

TANGENZIALE 66 è un viaggio coast to coast, tra la Comasina e il west.
TANGENZIALE 66 va dal desert-rock di frontiera al new-folk, passando per blues, jazz e psichedelia
TANGENZIALE 66 è una volta al mese (o quasi) sul palco del Circolo Agorà

questo venerdì 26 gennaio (dalle ore 22.00) sulla tangenziale incroceremo i Supermarket e la Muerte Chiquita…

I Supermarket nascono attorno al 2010 da un’idea del chitarrista Alfredo Nuti Dal Portone (Giacomo Toni, Saluti da Saturno, Jang Senato, Niconote). Calypso, cumbia, mariachi, manouche e tango, uniti al jazz, all’improvvisazione radicale e alla no wave – nello spirito, infine, della musica solare. Al secondo titolare della band, Marcello “Gianduia” Detti (Del Barrio, Giacomo Toni, Nobraino) estremamente ricco, si deve l’approdo a quell’attitudine cabarettistica delirante grazie alla quale il gruppo si è evoluto in una mini orchestra spettacolo a tutti gli effetti, con all’attivo centinaia di esibizioni l’anno nelle location più diverse (dai club tipicamente “indie” a Umbria jazz).

La Muerte Chiquita affonda la sua ricerca nelle polverose strade della Baja California e della frontiera messicana, strizzando l’occhio ai ritmi caraibici, alle rhumbe del sud america e di cuba, il tutto condito da un amore per il blues, boogaloo e per le storie noir da narcotraffico di frontiera.