Twitter

Tag: arci brianza

inimmaginabile Blob!

Per la rassegna di Poetry Slam Lombardia all‘Arci Blob il 26 gennaio 2018 una serata inimmaginabile. Giungeranno dalle alte costellazioni della poesia galattica due poeti dalla straordinaria capacità di far piangere e far ridere, commuovere e incazzare parlando di prelievi del sangue, montagne, animali strani, i cani dei vicini, le punto a metano e quanto la vita dell’era contemporanea ci offre e ispira.

Dalle terre di Cesena
Lorenzo Bartolini
Scrive canzoni, monologhi e poesie.
Dal 2004 è cantattore dei Formazione Minima, con cui porta in giro in Italia e anche all’estero in più di trecento occasioni un omaggio a Giorgio Gaber. Fa spettacoli di teatro-poesia in solitaria o in compagnia. Partecipa a Poetry Slam in tutta Italia.
Le sue poesie vengono inserite nel programma di studi di Lingua Italiana alla Duke University (USA), Department of Romance Studies, Fall 2016. Ad Aprile 2017 è uscito il suo primo libro di poesie: Senti cosa ho scritto, ed. Miraggi (Torino).
Ha una Punto a metano bianca.

Dalla magnifica Brianza
Paolo Agrati
Nato nel 1974 a maggio. Si occupa principalmente di poesia, scrittura, musica e amenità. Ha pubblicato le raccolte di poesia Partiture per un addio (Edicola Ediciones 2017), Amore & Psycho (Miraggi Edizioni 2014), Nessuno ripara la rotta (La Vita Felice 2012), Quando l’estate crepa (Lietocolle 2010) e il libriccino piccola odissea (Pulcinoelefante 2012). E’ uno dei principali Slammer Italiani, da sempre propone la sua poesia dal vivo, portandola coi Reading nei luoghi più svariati e inusuali.
E’ narratore e cantante nella Spleen Orchestra, band di culto nel suo genere, che ha co-fondato nel 2009 e che ripropone le musiche e le atmosfere dei film di Tim Burton.

Presenta la serata Davide ScartyDoc Passoni

La sera successiva musica dall’altro mondo. Sul palco dell’arci Blob saliranno i “The house of Wax” con il loro mix esplosivo di attitudine punx, retrogusto garage e prezzemolate psichedeliche. Vi faranno ballare, vi faranno sudare, vi faranno pensare. potete chiedere di più ad una sporca garage band?

Scuotivento: un circolo, due voci femminili

Sabato 25 novembre: nella giornata dedicata alla lotta contro la violenza di genere, in cui una moltitudine di donne scende nelle strade con NON UNA DI MENO, per riaffermare la propria forza e rivendicare pari diritti gridando “Abbiamo un piano!”, anche il circolo Arci Scuotivento organizza una serata in sintonia: i compagni del circolo sono orgogliosi di portare sul palco due voci femminili, grintose e fieramente determinate, per farvi ballare e scatenare a dovere.

Headliner il ciclone blu elettrico Ketty Passa che sbarca finalmente anche in Brianza, dopo un tour che l’ha già portata su e giù per l’Italia a presentare l’album d’esordio solista “Era Ora”, dopo le lunghe esperienze con i Toxic Tuna e soprattutto i REZOPHONIC.

Accolto da un grande successo di pubblico e critica, “Era ora” mette insieme tutte le influenze che hanno caratterizzato la carriera musicale di Ketty Passa dagli esordi fino ad oggi: sonorità urban, a volte electro rock, altre volte tribal hip hop. Anche se i riferimenti principali vengono dall’estero (la veejay cita M.I.A., Gwen Stefani e Rihanna), il cantato è mantenuto in lingua italiana!

In apertura la band milanese Il piano di Eva, formazione giovane di 4 elementi, con repertorio in italiano, e genere rock melodico, con influenze funky e blues, in stile vagamente retrò.

Ingresso con contributo artistico di 3€,  ovviamente con tessera Arci 2017-2018!