Tre appuntamenti tra arte, natura e trekking: Camminalento colpisce ancora!

Ecco le prossime proposte di Camminalento

Le “danze” del circolo “Camminalento” inizieranno sabato 10 giugno con un bel viaggio di tre giorni a Trieste, Grado e Aquileia.
Trieste, fulcro della regione storico-geografica della Venezia Giulia, fa da ponte tra Europa occidentale e centro-meridionale, mescolando caratteri mediterranei e mitteleuropei. Il suo porto, oggi il più grande e importante d’Italia ed uno degli snodi marittimi più importanti d’Europa, fu il principale sbocco marittimo dell’Impero asburgico, che nel 1719 gli riconobbe lo status di porto franco. Tutt’oggi il porto rimane di fondamentale importanza per il transito di merci internazionali.
Il porto franco venne mantenuto, con il nome di Porto Libero di Trieste, anche nel trattato di pace fra l’Italia e le potenze alleate del 1947 con il quale veniva istituito il Territorio Libero di Trieste e più oltre anche nel 1954, quando il Governo Militare alleato cedette l’amministrazione civile all’Italia.
Aquileia, colonia romana fondata nel 181 a.C., fu capitale della X regione augustea e metropoli della chiesa cristiana. Insieme con Ravenna e Brescia è il più importante sito archeologico dell’Italia settentrionale e con Cividale del Friuli e Udine è stata una delle capitali storiche del Friuli, il cui vessillo deriva proprio dallo stemma di Aquileia.
Sabato 24 giugno il circolo ci propone una escursione dedicata alle acque! Si visiterà la Valle del Chiese, attraversata dall’omonimo fiume Chiese. E’ una delle valli del Trentino che permette di passare in pochi chilometri dalle sponde del Lago d’Idro alle montagne della Val di Daone. Alla fine di giugno belli da vedere sono i campi coltivati, le malghe con la loro tipica atmosfera rurale, le acque cristalline del lago d’Idro da cui si passerà per raggiungere la meta: in questa bellissima valle esiste una realtà dove vengono allevate in acque di sorgente di alta montagna trote e salmerini. Questi ultimi hanno bisogno di un habitat di acque pure per poter crescere e prosperare, si farà una visita guidata ad uno di questi allevamenti per scoprire i meccanismi che regolano il ciclo produttivo di un alimento prezioso come il pesce, partendo dall’incubazione per arrivare al prodotto finito.
Al pomeriggio si cambia, sempre legati dal filo conduttore delle acque si andrà sul vicino lago di Garda ed esattamente a Riva, città il cui centro affascina per l’arte e le opere d’architettura, testimonianze di storia antica e di un passato ricco di arte e cultura. Da vedere la Rocca, la Torre Apponale, il Palazzo Pretorio e le chiese barocche dell’Inviolata e di S. Maria Assunta.
Infine ecco una proposta vacanziera messa in piedi da Camminalento: dal 26 agosto a venerdì 1 settembre 2017  il circolo ha organizzato una bella settimana a Ponza. L’isola maggiore delle Pontine, la stupenda Ponza, modellata dal mare e dal vento con pittoresche coste frastagliate, grotte, fondali ricchi di flora e fauna subacquea, faraglioni e rocce vulcaniche coloratissime. L’isola è attraversata da N a S da una strada asfaltata da cui si diramano vari sentieri che permettono di scendere al mare, in calette esclusive come Cala Luna, Cala Gaetano, Cala Feola, Bagno Vecchio. Si possono inoltre percorrere le vecchie mulattiere che collegavano il centro-porto con gli agglomerati rurali, in mezzo a vigneti e macchia mediterranea (in primavera l’isola è tutta gialla dalla fioritura delle ginestre), orti e limonaie, baracche per gli attrezzi e cappelle votive. Il Monte della Guardia (m 280) domina il centro abitato, con gli stretti vicoli dei quartieri popolari, le case bianche con i balconi fioriti, che seguono la linea della collina, e il Porto costruito dal Vanvitelli in epoca borbonica, con i suoi magazzini e le arcate su cui poggia la “passeggiata” con i negozi di artigianato e le caffetterie, dove è piacevole e apprezzata una sosta serale. In settimana sono previsti (e inclusi nel costo) una giornata in barca con pranzo ed escursione all’Isola di Zannone; un’altra giornata in barca intorno all’isola di Palmarola con pranzo incluso; una trasferta in barca alla spiaggia del Frontone; percorrenza di facili itinerari di trekking insieme a guida locale.

Se volete saperne di più (costi, orari, modalità di iscrizione e quant’altro) questi sono i contatti del circolo:

Armando – cell. 335/6701769
Barbara – tel. 039/9715090, cell. 347/5451729
Rosanna –  tel. 02/36512166, cell. 339/7674166
Marco – tel. 02/29517093, cell. 349/2687784
e-mail: camminalento@fastwebnet.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *