Twitter

Pessina d’autore e Pessina in giallo. Tutto il resto è noia…

Arci Pessina mecca dei palati fini della musica d’autore! Domani, venerdì 2 febbraio – dalle 21.30 ospiterà Federico Sirianni. Genovese, classe 1968, Federico Sirianni è uno dei più prolifici e completi cantautori indipendenti del nostro paese. In quasi 25 anni di attività artistica ha ottenuto una lunga fila di premi e menzioni, dal Tenco come miglior esordiente (1993) al Premio Bindi al premio Recanati (oggi Musicultura) fino al premio Lunezia, solo per citarne alcuni. Ha collezionato una sfilza di collaborazioni illustri, non ultima quella più stabile col collega genovese Max Manfredi, sempre mischiando la propria narrativa con quella altrui.
Nel teatro, nella scrittura non solo di canzoni, ma anche nella poesia, nella letteratura e nel teatro-canzone Sirianni ha sempre mantenuto la capacità e la voglia di attraversare nuovi mondi tra i quali quello della didattica. La sua formazione musicale è direttamente figlia dei cantautori genovesi che ha conosciuto quasi tutti di persona, ma ha sempre risentito fortemente dell’influenza dei grandi del nord America, specialmente Dylan, Leonard Cohen e Tom Waits. Come tutte le serate goderecce di Chiaravalle ci sarà la possibilità di cenare, con delle fantastiche trofie al pesto e delle mirabolanti alici fritte, dalle 19.30 su prenotazione (chiamando il 02 539 8546).
E vista la nebbia che aleggia su Milano e il luogo evocativo dove è dislocato il circolo, i compagni hanno inaugurato la rassegna “Pessina in Giallo”. Il 9 febbrario alle 18.30 ci sarà la presentazione di “Musical 80” con l’autore Nicola Gervasini. Il libro mescola sapientemente il noir e il poliziesco con la musica e il cinema degli anni 80. Decisamente un’ottimo combo. Venite a risolvere il mistero, conoscere Gervasini e perché no a cenare subito dopo la presentazione mantenendo il trait d’union del giallo, anche per quanto riguarda i piatti: Pollo al curry con riso basmati (12€, escluso bere. Si consiglia la prenotazione per la cena).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *