Twitter

Convenzione ALMA MATER di Yuval Avital alla Fabbrica del Vapore

convenzioniAll’8 luglio al 29 agosto alla Fabbrica del Vapore si terrà la mostra “Alma Mater di Yuval Avital” in dialogo con il Terzo Paradiso di Michelangelo Pistoletto.

Presentando in biglietteria la tessera i soci Arci hanno diritto all’acquisto del biglietto ridotto al prezzo di 7,50 euro.

Alma Mater è un quadro allegorico di 1200 mq, composto da uno straordinario connubio di eccellenze creative nazionali ed internazionali: l’installazione luminosa site-specific di Enzo Catellani e le creazioni di Architettura Sonora sono le colonne portanti di questo potente progetto; videoproiezioni delle leggendarie ballerine del Teatro alla Scala, Liliana Cosi e Oriella Dorella che si librano in eteree evoluzioni luminose, accompagnano inedite performance delle merlettaie di Cantù.
Alma mater viene, così, a costituirsi nella connessione delle sue componenti, forti identità che si armonizzano in un visionario unicum artistico ispirato all’archetipo della madre nutrice, per offrire ai visitatori un intenso viaggio poetico ed esplorativo, arcaico e futurista, terreno e trascendente.

Yuval Avital, artista compositore apprezzato a livello internazionale per le sue opere di massa, ha realizzato un’elaborata partitura composta da intrecci sonori, accostando frammenti di voci di nonne provenienti da tutto il mondo a sinfonie prodotte dalla natura, raccolte grazie al contributo di Centri di Ricerca Etnomusicologica, Antropologica e dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia.
Favole, canti tradizionali, sussurrii e preghiere si intessono a vibrazioni sismiche, boati di vulcani, suoni di abissi e gorgoglii di gocce d’acqua, dando vita ad una foresta di 140 altoparlanti, progettati da Architettura Sonora.

All’interno della Fabbrica del Vapore è, inoltre, predisposto un Health Bar con una proposta di natural food&beverage e dove Cusumano mette a disposizione la qualità dei suoi vini.
Completano la fitta trama di composizione del progetto perfomance di artisti internazionali, eventi collaterali, workshop, laboratori e dibattiti.
Allievi del corso per fotografi di Scena dell’Accademia Teatro la Scala sono stati invitati a documentare l’evento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *