Approvata in via definitiva dal Senato la legge sul biotestamento

Una conquista di civiltà

Dichiarazione di Francesca Chiavacci, presidente nazionale Arci

 

A larga maggioranza il Senato ha approvato questa mattina la legge sul “consenso informato e le disposizioni anticipate di trattamento” (Dat), cioè la legge che introduce, anche in Italia, il testamento biologico.

Un atto di civiltà, che riconosce l’autodeterminazione terapeutica del paziente e salvaguarda la dignità della persona anche quando non più autonoma o prossima alla fine.

La discussione nel paese è andata avanti per anni, sollecitata da alcuni casi emblematici come quelli  sollevati da Peppino  Englaro o Mina Welby, che chiedevano di mettere fine ‘legalmente’ alle sofferenze dei propri cari.

Dopo l’approvazione alla Camera, la proposta di legge si è arenata per mesi al Senato, fra ostruzionismo e migliaia di emendamenti che avevano il solo scopo di rallentarne l’iter.

Il testo che esce oggi dal Senato non è il migliore possibile: il medico conserva un forte potere discrezionale, non è chiaro se verrà istituito un registro nazionale per le Dat o solo quelli regionali, con la possibilità di differenze interpretative tra regione e regione. E tuttavia si tratta di un primo fondamentale passo in avanti che fa del nostro paese un luogo più civile.

 

Roma, 14 dicembre 2017

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *