Dario Fo aveva trovato in Arci una delle sue case

dario_foNoi dell’ Arci ci uniamo al dolore per la scomparsa di Dario Fo e lo ricordiamo con particolare affetto, anche per la generosità con cui ha partecipato e dato il suo impagabile contributo a tante iniziative culturali della nostra associazione, oltre che alla comune battaglia per una cultura diversa in un paese solidale.

Scrive Corrado Augias su L’Espresso nel 1969: «Scartati il teatro ufficiale, con i suoi consunti velluti rossi, e le cantine dell’avanguardia, cenacoli aristocratici per élite smaliziate, Dario Fo, Franca Rame e i loro attori si sono affidati invece all’ Arci […] che dispone di decine di sale qua e là per l’Italia (120 quelle messe a disposizione di Nuova Scena)».

È infatti all’inizio del ’68 che Dario Fo, in sintonia con l’ Arci di Milano (il cui presidente è il discografico e agitatore culturale Nanni Ricordi), concerta con la direzione nazionale dell’ Arci la costituzione del Circuito Teatrale Alternativo, che pur nella sua breve esperienza (si chiude nel 1972) conta comunque 350 rappresentazioni, 70.000 abbonamenti, 200.000 presenze. È il periodo della tournée di Mistero Buffo, forse la sua opera maggiormente conosciuta, e che in diverse piazze (Pordenone, Modena, Reggio Emilia tra le altre) viene spesso funestata dalla repressione di polizia e che proprio grazie all’ Arci riesce comunque a essere rappresentata nei teatri e nelle sale.

Le sue opere di satira politica, sempre in coppia con Franca Rame, hanno aiutato intere generazioni a formarsi una conoscenza del mondo contemporaneo. Una vita di impegno culturale e politico controcorrente, in polemica aperta contro il conformismo delle istituzioni culturali italiane. Non c’è stata manifestazione o iniziativa culturale organizzati dal mondo dell’associazionismo cui non abbia risposto con generosità ed entusiasmo, ancora fino a ieri, con noi a incontri, dibattiti, approfondimenti.

Lo vogliamo salutare con un enorme applauso e con i suoi stessi versi:

«Ma che aspettate a batterci le mani, / a metter le bandiere sul balcone? / Sono arrivati i re dei ciarlatani, / i veri guitti sopra un carrozzone.
Venite tutti in piazza fra due ore, / vi riempirete gli occhi di parole, / la gola di sospiri per amore / e il cuor farà seimila capriole.
Napoleone primo andava matto per ‘sto dramma / e ogni sera con la sua mamma / ci veniva ad ascoltar.
Napoleon di Francia piange ancora e si dispera / da quel dí che verso sera / ce ne andammo senza recitar».

Grazie Dario!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *